Sospesa la gara per i diritti domestici della Bundesliga: scontro federazione-DAZN

 
NOVITÀ Su tutti i dispositivi è disponibile la Web App: scaricala e attiva la possibilità di ricevere le notifiche.

La Lega calcio tedesca (DFL) ha invitato a presentare offerte per il prossimo ciclo quadriennale sui diritti domestici della Bundesliga a partire dalla stagione 2025/2026: il suo attuale contratto con Sky e DAZN vale in media 1,1 miliardi di euro (1,17 miliardi di dollari) a stagione e scade alla fine della stagione 2024/2025.

Il reclamo di DAZN contro la Federazione

Secondo il quotidiano Bild, la società DAZN ha presentato un reclamo formale alla DFL e a tutti i 36 club dei primi due campionati di calcio tedesco. Nella lettera di reclamo, firmata dall’amministratore delegato di DAZN Shay Segev, l’obiezione dell’emittente ruota attorno al pacchetto di diritti B, che è il pacchetto più grande offerto: 196 partite in esclusiva ogni stagione, comprese tutte le partite giocate il sabato pomeriggio e il venerdì sera.

DAZN esprime inoltre il disappunto della società nel vedere la sua offerta per il pacchetto rifiutata, nonostante la società di media abbia presentato “l’offerta finanziariamente più attraente e convincente”. Non vengono rivelati dettagli dell’offerta, ma la Bild riferisce che il pacchetto è stato assegnato a un’altra emittente. DAZN ha dichiarato di aver fatto un’offerta contro Sky per il pacchetto.

Come affermato nel bando di gara indetto dalla DFL, un offerente si sarebbe aggiudicato immediatamente un pacchetto se la sua offerta avesse soddisfatto i requisiti minimi della lega ed fosse stata superiore di almeno il 20% rispetto all’offerta successiva più alta.

“Siamo stati portati a credere che la nostra offerta finanziaria fosse significativamente più alta di qualsiasi altra offerta. Non abbiamo altra spiegazione per questo comportamento antieconomico se non che la direzione della DFL era per assegnare illegalmente il pacchetto di diritti del pacchetto B al suo offerente preferito, ha affermato DAZN nella lettera.

DAZN e l’accusa per la garanzia bancaria

DAZN sostiene inoltre che la DFL non ha concesso alla società il tempo sufficiente per fornire una garanzia bancaria. Come stabilito nel bando di gara, la DFL ha il diritto di chiedere una garanzia bancaria agli offerenti.

Tuttavia, DAZN sostiene di aver invece presentato “un livello di comfort rigido“, che sarebbe stato accettato dalla lega durante la gara precedente. La società ha affermato nella lettera che la Lega ha poi richiesto una garanzia entro 24 ore, il che era “un compito impossibile”.

DAZN sostiene che le azioni della DFL hanno violato la legge antitrust tedesca ed europea e che ha contattato l’ufficio federale antitrust tedesco.

Le risposta della DFL a DAZN

In una dichiarazione, la DFL ha negato le affermazioni di DAZN e ha affermato che la lettera conteneva “un gran numero di dichiarazioni inesatte e travisamenti dei fatti”.

“La DFL non ha commesso alcun errore formale nel processo d’asta in corso. Le accuse di DAZN sono infondate e vengono respinte dalla DFL”, hanno affermato in Lega.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: : fino al 2029, 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata
La nuova UEFA Champions League è su NOW. Più partite e maggior qualità. 185 partite su 203 a stagione, al netto della partita del mercoledì di Amazon
SKY SPORT: Guarda i Giochi Olimpici di Parigi 2024 su Eurosport e tutti i 51 match di UEFA EURO 2024, Wimbledon, la F1 e il tennis in esclusiva.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Don`t copy text!
notification icon

We want to send you notifications for the newest news and updates.