Qatar 2022: l’attrezzatura utilizzata dalla Rai per l’evento

Qatar 2022 attrezzatura Rai

NOVITÀ Su tutti i dispositivi è disponibile la Web App: scaricala e attiva la possibilità di ricevere le notifiche.

Per la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, l’emittente italiana Rai sta utilizzando due sale di controllo e uno studio all’interno dell’IBC situato nella capitale del Qatar, Doha, e uno studio nel Souq a circa 20 chilometri di distanza per trasmettere, anche con propria attrezzatura.

Ecco un’intervista rilasciata a SVG Europe con il project manager della Rai, Daniele Gotti, delle idee alla base di questo allestimento e dei piani dell’emittente per il torneo.

Che tipo di impegno ha messo in campo la Rai per questa Coppa del Mondo e come sono organizzati gli spazi di produzione?

Lo spazio di questa doppia sala di controllo (nell’immagine sopra, ndr), costruita all’interno dell’IBC di Doha, è attrezzato per la ricezione, lo smistamento e la ritrasmissione di tutte le partite e di tutti i segnali che arrivano dagli stadi, che distano al massimo 70 chilometri. Abbiamo anche un altro studio nel Souq a circa 20 chilometri di distanza.

Inoltre, tutti gli stadi hanno una postazione di commento ottimizzata in termini di costi e prestazioni.

Dato che la squadra italiana non si è qualificata per questo Mondiale, la Rai avrà un impegno ridotto negli stadi, solo qualche zainetto Aviwest 380, e non ci sarà una vera e propria personalizzazione del feed come avveniva in passato.

Sul posto saranno presenti tre troupe ENG, composte da un operatore con zaino RF e un giornalista per il commento. Per garantire un’eccellente mobilità, le telecamere sono leggere della Sony le quali possono registrano su scheda SD.

Le due sale di controllo create qui a Doha sono speculari e ci permettono di seguire la trasmissione simultanea, soprattutto durante gli spareggi, su due reti. Trasmettiamo anche i contenuti del pre-partita, dell’intervallo e del post-partita, tutti gestiti anche grazie ai contributi sull’EVS e sugli highlights.

Tutta la produzione è gestita dalla Rai o da un servizio esterno?

Tutto il materiale tecnico della produzione appartiene alla Rai; non abbiamo utilizzato servizi esterni. Abbiamo trasportato parte del materiale via nave – quello che non serviva in altre situazioni – e gli elementi più preziosi sono stati inviati per via aerea.

Tutta la parte live e replay è affidata allo SVE, mentre l’intera sezione di registrazione e montaggio è gestita da apparecchiature coperte da brevetto Rai.

Nel corso degli anni, un gruppo di ricerca interno alla Rai, guidato da Piero Rossini, ha sviluppato un sistema proprietario per l’ingesting, la registrazione e la gestione delle clip su NAS, basato su dispositivi QNAP. Si tratta di un servizio di archiviazione dati che consente agli utenti di lavorare su file aperti con il software di editing Edius X di Grass Valley e il software Metus MAM per l’ingesting, la registrazione, la transcodifica e lo streaming.

Il sistema gestisce 13 flussi simultanei che vengono consegnati a cinque stazioni di editing condivise, che prelevano ciò che serve direttamente dal NAS. Questo avviene dopo l’indicizzazione e la gestione preliminare nel MAM.

È una scelta interessante, vista l’importanza dell’evento di Qatar 2022. Quali altre attrezzature Rai sono coinvolte nei vari studi e gallerie?

La scelta di non utilizzare apparecchiature più note, come il sistema Avid che abbiamo utilizzato alle Olimpiadi, deriva dall’ottima flessibilità e leggerezza di questa architettura proprietaria, che si è rivelata ideale per eventi come questo, dove i flussi non sono così numerosi.

Le due sale di controllo con master control sono costruite su dispositivi Riedel, matrici distribuite, che gestiscono tutti i segnali in entrata e in uscita. Il mixer video centrale è un Grass Valley Kahuna.

Lo studio allestito al Souq comprende tre telecamere Grass Valley, due delle quali dotate di sensori, per operare con il sistema di realtà aumentata For-A. Davide Meda è il responsabile di quest’area.

Nel Souq, HBS ha messo a disposizione delle emittenti alcuni studi e l’intera infrastruttura è stata costruita ex novo per l’occasione, in posizione sopraelevata. Al di sotto sono stati collocati dei container che vengono utilizzati in parte come camerini e in parte come sezione tecnica.

Ciò è dovuto al fatto che lo studio nel Souq viene utilizzato per la presentazione delle partite e degli spettacoli post-partita. È molto pittoresco e, grazie a una finestra rivolta verso l’esterno, sempre molto vivace.

Inoltre, una piattaforma esterna adiacente di 3×3 metri viene utilizzata anche con un’area di ripresa a telecamera singola: una sorta di balcone che si affaccia sulla Corniche, il lungomare da cui si gode una bella vista del moderno skyline di Doha. Quest’altra vista sull’esterno permette anche di inquadrare il mare sullo sfondo.

Da qui tutti i segnali vengono confezionati e viaggiano su un unico cavo in fibra multipolare che raccoglie i segnali video, audio e di controllo e li rimanda al container situato al piano terra. Da qui vengono inviati all’IBC tramite una connessione da 1 GB.

Le apparecchiature Lawo con il software VSM gestiscono questi trasporti che portano i segnali alle due gallerie di Doha per il successivo smistamento, nonché l’intero flusso di trasmissione.

Quante trasmissioni farete da Doha e con quali tecnologie? Si tratta di un grosso impegno? E quante emittenti sono presenti all’IBC?

La giornata è molto intensa e inizia con il telegiornale sportivo delle 13:00 (le 11:00 in Italia), con collegamenti effettuati per il morning show di Rai Unomattina, grazie agli zaini RF degli stadi.

All’IBC c’è una postazione d’angolo da cui trasmettiamo il telegiornale e che si occupa anche della presentazione della prima partita della giornata, quella delle 13:00.

All’IBC riceviamo tutti i segnali delle partite in 4K che poi trasferiamo a Roma per la trasmissione su quattro flussi da 1GB, due per i segnali HD e due per quelli UHD. Tutto il lavoro in studio viene fatto in HD e poi upscalato in UHD.

Nello studio di 8×8 metri dell’IBC è stato allestito un piccolo braccio dolly per le riprese. Per l’audio sono stati utilizzati due banchi di controllo Stagetec Aurus.

Nel complesso, non si tratta di un sistema ‘pesante’ per noi, che non siamo host broadcaster. L’unica complessità è dovuta al fatto che le due gallerie devono spesso lavorare in parallelo perché le partite sono consecutive: ci sono molti segnali per il pacchetto completo.

La Rai ha aderito al servizio HBS FIFA-Max, un mega server dove viene caricato molto materiale che costituisce un’ottima opportunità, anche se il tempo a disposizione per utilizzarlo non è molto – e le sessioni pre e post partita non sono certo lunghe, solo 20 minuti. Possiamo attingere a interviste a squadre, tifosi, ricchi dettagli, primi piani, informazioni sui giocatori, ecc.

Da qui facciamo tutto ciò che serve a Rai Sport e creiamo una finestra quotidiana di 30 minuti dedicata allo sport con collegamenti per Rai News.

Nei primi giorni vengono trasmesse quattro partite al giorno e l’intervallo di tempo tra una e l’altra è molto breve.

Alcune trasmissioni, come l’impegnativo collegamento con Rai News alle 12.30 ora italiana, si scontrano con un post partita.

Al termine dell’ultima partita c’è un collegamento con Il Circolo dei mondiali in onda da Milano.

Sul posto sono presenti 60 persone, tra cui due registi, Marco Spoletini e Giampaolo Salomone, coadiuvati da due assistenti alla regia. Il gruppo tecnico comprende otto persone della RVM Broadcast, due per l’EVS XT-Via e il servizio BLT Teca per la ricerca di contenuti molto veloci.

La sala apparecchiature è composta da 14 rack a due file e abbiamo due sistemi UPS da 20kW per evitare qualsiasi problema.

Sono 78 emittenti presenti all’IBC, mentre i diritti sono stati acquisiti da un numero molto maggiore di reti. L’IBC di Doha è davvero enorme.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: fino al 2029, 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata
Tutto lo sport di Sky e la nuova UEFA Champions League è su NOW. Più partite e maggior qualità. 185 partite su 203 a stagione, al netto della partita del mercoledì di Amazon
SKY SPORT: Guarda i Giochi Olimpici di Parigi 2024 su Eurosport, la F1, il Motomondiale e il tennis in esclusiva.

Don`t copy text!
notification icon

We want to send you notifications for the newest news and updates.