Domani a “Vite – L’arte del possibile” (Sky Tg24) ospite Roberto Baggio

 
NOVITÀ Su tutti i dispositivi è disponibile la Web App: scaricala e attiva la possibilità di ricevere le notifiche.

È Roberto Baggio il protagonista del nuovo ciclo di “Vite – L’arte del possibile”, in onda su Sky TG24 mercoledì 23 novembre alle 20:45 e su Sky Sport Uno alle 22.00. Il “divin codino” si racconta a Giuseppe De Bellis in una location d’eccezione, l’aereo di linea ITA Airways che porta il suo nome e, tra ricordi, speranze e aneddoti, scatta una fotografia della sua vita dentro e fuori dal campo.

Vite – L’arte del possibile: l’intervista con Roberto Baggio

Dagli spalti del Menti, sognando Paolo Rossi (“Andavo con il papà la domenica in bicicletta a vedere giocare il Vicenza dove c’era anche Paolo e sognavo di diventare come lui”) ad una carriera fatta di successi, duro lavoro, amore ma anche tanta sofferenza.

Il rapporto con la Nazionale

A partire da quel maledetto rigore a Pasadena che ancora fa fatica a dimenticare (“La gente mi ha sempre dimostrato grande amore, grande affetto per cui hanno capito la mia sofferenza, però sono molto esigente con me stesso… Avevo mille occasioni per sbagliare un rigore ma non dovevo sbagliarlo quel giorno”) fino al suo rapporto con la Nazionale, un amore viscerale che ha segnato una generazione e che si è concluso bruscamente con la mancata convocazione ai mondiali del 2002.

“È una ferita – ha ammesso – come tutte le ferite magari non si cicatrizzano mai fino in fondo, perché credo che quel mondiale era solo un premio per quello che avevo fatto e per quello che avevo dato alla maglia azzurra”.

Grandi e piccole squadre

Una carriera straordinaria, quella di Baggio, che lo ha visto confrontarsi con le realtà dei più grandi club italiani: Juventus, Inter, Milan, ma anche con la provincia che lo ha tanto amato ed eletto suo beniamino.

“L’anno di Bologna – ha raccontato – è stato un anno meraviglioso per tanti aspetti. Mi ha riportato in Nazionale e mi ha riportato alla gioia di poter vivere un altro mondiale. C’è stato un grande rapporto con la gente, veramente, io e la mia famiglia non ci siamo neanche accorti del tempo che passava”.

Gli infortuni

Poi le ginocchia, gli infortuni, un calvario che più volte ha rischiato di piegarlo (“Quella purtroppo è una cosa che mi ha accompagnato sempre, io vivevo con questa spada di Damocle sulla testa in ogni allenamento e in ogni partita”), che però non sono riusciti ad offuscare un talento troppo cristallino per non poter brillare. Infine, l’addio a San Siro, in una giornata piena di affetto e commozione: “È stato commovente, ho sentito l’affetto di tutti i tifosi italiani”.

Il ritorno come allenatore

Su un suo ritorno nel mondo del calcio, magari da allenatore, risponde: “All’inizio volevo staccare completamente e volevo capire cosa fare da grande e poi sì, ogni tanto ti torna il desiderio, ci pensi e poi per fortuna rimane un pensiero. Bisogna essere portati per fare anche determinate cose e io forse non mi reputo all’altezza di farle”.

Cos’è Vite – L’arte del possibile

Curato e realizzato dal direttore di Sky TG24 Giuseppe De Bellis, “Vite – L’arte del possibile” è un ciclo di dieci interviste dedicate al successo e alla capacità di raggiungerlo. Un ritratto professionale e personale di grandi italiani che si sono distinti nel proprio campo: dall’industria al cinema, dalla scienza allo stile fino all’arte e alla letteratura, divenendo noti in tutto il mondo.  Le interviste entreranno anche a far parte della syndication dell’area news del Gruppo Comcast e potranno essere trasmesse anche da NBC.

L’intervista a Roberto Baggio in di “Vite – L’arte del possibile”, insieme a tutte le altre che seguiranno, sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, sul sito skytg24.it


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: : fino al 2029, 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata
Tutto lo sport di Sky e la nuova UEFA Champions League è su NOW. Più partite e maggior qualità. 185 partite su 203 a stagione, al netto della partita del mercoledì di Amazon
SKY SPORT: Guarda i Giochi Olimpici di Parigi 2024 su Eurosport e tutti i 51 match di UEFA EURO 2024, Wimbledon, la F1 e il tennis in esclusiva.

Articoli correlati

Back to top button
Don`t copy text!
notification icon

We want to send you notifications for the newest news and updates.