Serie A: alcuni club disposti a dare anche a Sky gli highlights

 
NOVITÀ Su tutti i dispositivi è disponibile la Web App: scaricala e attiva la possibilità di ricevere le notifiche.

In fondo è un’ultima spiaggia. Ma per alcuni club di Serie A sarebbe il momento di riaffrontare il tema degli highlights con la richiesta di Sky – sul tavolo della Lega Serie A a seguito di una lettera della media company, anticipata sul Sole 24 Ore del 6 ottobre – di fare un bando per highlights “pay” (per i free i diritti sono andati alla Rai). Perché questo accada si dovrebbe fare retromarcia sul diniego, deciso in Lega a maggioranza lo scorso 29 luglio. L’assemblea del 7 ottobre non ha affrontato la questione. Ma c’è chi non sarebbe disposto a far passare anche la prossima, fissata martedì, che ospiterà anche l’audizione di Dazn. Il nodo del possibile contenzioso legato al contatto con Dazn-Tim non è trascurabile. Comunque, non essendo all’ordine del giorno, si potrà eventualmente solo decidere di riaffrontarlo. Chi vorrebbe farlo espone il vantaggio di possibili nuove risorse. Proprio in un momento in cui la Serie A attendeva risposte, però non arrivate, dal Decreto fiscale.

L’antefatto: la lettera inviata da Sky

La lettera della media company di casa Comcast, visionata dal Sole 24 Ore, è arrivata all’attenzione del presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino e all’ad Luigi De Siervo ieri, a due giorni dalla prossima assemblea dei club. Come già avanzato con una richiesta del 16 luglio, scrive Sky, «non è infatti stato offerto al mercato alcun pacchetto che consentisse la diffusione delle Immagini Salienti in modalità pay, limitando invece tale offerta ai soli operatori in chiaro». Allo stato delle cose dunque «l’unico operatore pay in grado di mostrare le Immagini Salienti di tutte le gare di Serie A è lo stesso (Dazn, ndr.) che già detiene i diritti sulle dirette e sulle differite». Sky bolla questa come un’evidente limitazione del «numero di spettatori che sono in grado di vedere le immagini del massimo campionato nazionale», tenuto anche conto che «tale operatore ha rinunciato ad operare sulle altre piattaforme diverse dall’Ott».

Da qui la richiesta: «Nel ribadire il nostro interesse a poter diffondere tali immagini, Vi invitiamo nuovamente a valutare la Vostra posizione prendendo in considerazione la possibilità di vendere anche agli operatori pay tali diritti che, peraltro, vengono già sfruttati da tutti i possibili operatori in chiaro».

Sky mette così una carta pesante sul tavolo dell’assemblea dei club del 7 ottobre in cui certamente il tema Dazn, con gli inciampi di trasmissione delle prime giornate, sarà trattato. In ballo ci sono nuovi possibili introiti, in arrivo da una Sky che ha quindi manifestato il suo interesse, ma anche eventualmente da altri operatori pay. Ora occorrerà vedere se i presidenti, che sul tema a luglio hanno deciso a maggioranza, manterranno il punto giustificato all’epoca da problematiche di tipo legale legate al contratto con Dazn.

DAZN: il piano START con il basket, la Nazionale di Volley e altro sport a soli 8,99€ al mese per un anno.
SKY CALCIO: UEFA EURO 2024 e i canali Eurosport (con il Roland Garros e le Olimpiadi) a 14,90 €/mese (offerta fino al 31/5)


Fonte
Sole 24 Ore

Articoli correlati

Back to top button
Don`t copy text!
notification icon

We want to send you notifications for the newest news and updates.