James Rushton, DAZN: “Guadagneremo soldi con la Serie A in Italia. Nessun dubbio a riguardo.”

L'alleanza con TIM, il rapporto con Sky e l'aumento del prezzo in Italia

 
NOVITÀ Su tutti i dispositivi è disponibile la Web App: scaricala e attiva la possibilità di ricevere le notifiche.

Secondo il co-amministratore delegato James Rushton, il gruppo DAZN, il servizio di abbonamento sportivo globale e società di media, guadagnerà denaro dal suo investimento nei diritti della Serie A, affermando che l’Italia sta raggiungendo il “punto di svolta”’ di un passaggio dalla televisione lineare allo streaming.

Avendo finalmente ottenuto la scorsa settimana il sostegno necessario dei club per l’accordo sui diritti del valore di 840 milioni di euro a stagione (987 milioni di dollari) per sette partite esclusive la settimana e diritti co-esclusivi per tre partite, DAZN ha dichiarato che terminerà la distribuzione del suo DAZN1 canale lineare sulla piattaforma dell’emittente televisiva a pagamento Sky Italia.

In tal modo, DAZN cercherà di sferrare un duro colpo a un rivale attraverso la migrazione degli abbonati alla televisione a pagamento lineare del pacchetto “Sky Calcio” a DAZN, grazie all’accordo di distribuzione con TIM, l’operatore di telecomunicazioni che ha formato un’alleanza con per il progetto Serie A.

Parlando con SportBusiness, Rushton è stato ottimista sul realizzare un profitto sull’investimento in diritti di Serie A nel ciclo 2021-24: “DAZN è un’azienda tecnologica ad alta crescita, ma la cosa più importante per me è fare affari su un’economia unitaria solida e ragionevole. Non mi interessano i progetti di vanità o fare grandi schizzi sul mercato che non hanno senso. Guadagneremo soldi con la Serie A in Italia. Nessun dubbio a riguardo.

Rushton, che è diventato amministratore delegato ad interim a metà dello scorso anno nel mezzo di varie ristrutturazioni sulla scia dei danni finanziari causati dal Covid-19, ha continuato: “Il motivo per il quale sono così fiducioso di questo sono i dati davvero interessanti che ho a supporto. La cosa grandiosa di ciò che DAZN sta facendo, in Italia e in Germania, è il fatto che stiamo interrompendo l’ecosistema lineare della pay-TV e naturalmente ci sarà una migrazione di clienti a causa della qualità dei diritti e del potere dello sport, ma stiamo facendo crescere il mercato della televisione a pagamento in entrambi i mercati. Da quando abbiamo lanciato in Italia e Germania, abbiamo ampliato l’universo della pay-TV sportiva dal 20 al 25%. E questo con un insieme di diritti relativamente minore rispetto a quello che abbiamo ora”

 

 

L’aumento del prezzo in Italia

Dato l’aumento degli investimenti nei diritti, l’attuale prezzo di € 9,99 al mese in Italia sarà aumentato quando entrerà in vigore il nuovo accordo di Serie A. L’attuale pacchetto di Serie A dell’emittente – dal 2018-19 al 2020-21 – include multi diritti di piattaforma per 114 partite a stagione.

Sul prezzo futuro, Rushton ha osservato: “Chiaramente per il livello di investimento che abbiamo fatto nel mercato italiano dovremo flettere i prezzi per riflettere questo. Come abbiamo fatto in Germania due anni fa quando abbiamo vinto alcuni diritti per la Champions League e siamo passati da € 9,99 a € 11,99. E come abbiamo fatto negli Stati Uniti quando abbiamo sviluppato i nostri prezzi e la nostra proposta lì. È in fase di revisione e cercheremo di essere il più flessibili possibile.

Nonostante qualsiasi aumento di prezzo, l’offerta DAZN rimarrebbe, secondo Rushton, un “primo modello per i fan” rimanendo “accessibile”, “a un prezzo conveniente” e con la possibilità di annullare in qualsiasi momento.

 

Nuove modalità

Oltre ai ricavi da abbonamento, DAZN genera sempre più ricavi AVOD (advertising video-on-demand) in Italia e introdurrà un elemento TVOD (video-on-demand transazionale) attraverso offerte pay-per-view o pay-per-day entro la fine di quest’anno. DAZN sta anche cercando di aumentare la sua attività di locali commerciali in Italia, come ha fatto di recente in Giappone e Spagna, poiché riduce la sua dipendenza dai soli ricavi degli abbonamenti dei consumatori. Si stia esplorando le opzioni in questo spazio.

 

La situazione finanziaria

Le finanze di DAZN a livello globale continuano ad essere oggetto di molta attenzione pubblica, in particolare dopo che il suo modello di abbonamento senza contratto per lo sport dal vivo è stato lasciato esposto dal Covid-19. Nel 2019, DAZN Group ha generato un aumento del 76% dei ricavi grazie al maggior numero di abbonati, sebbene la perdita del gruppo sia salita a 1,4 miliardi di dollari (1,2 miliardi di euro) in cifre che precedono la pandemia.

 

 

Il futuro in Italia con la Serie A

Avendo acquisito la maggior parte dei diritti della Serie A, DAZN prevede di adottare completamente una strategia OTT per mostrare il contenuto, avendo scelto di terminare la distribuzione del canale lineare DAZN1 sulla piattaforma Sky. DAZN e Sky hanno raggiunto un accordo di distribuzione nel 2018 dopo che il primo ha vinto una fetta dei diritti di Serie A per l’attuale ciclo triennale. Ciò ha permesso agli abbonati Sky di guardare la copertura di DAZN tramite il servizio Sky Q. Il lancio del canale satellitare DAZN1 su Sky è seguito a settembre 2019.

Nel “disattivare” l’opzione della televisione satellitare lineare a pagamento, DAZN deve ora affrontare un esercizio di marketing della sua copertura in Serie A ai fan. Attualmente, circa il 70% dei contenuti premium su DAZN viene consumato su televisori a grande schermo anziché tramite smartphone, tablet o laptop.

 

Rushton ha dichiarato: “Per quanto riguarda la nostra attività italiana e il mercato italiano più in generale, penso che questo sia il punto di svolta che si raggiunge un momento in cui i consumatori e gli appassionati di sport si rendono conto che il futuro di tutte le trasmissioni è sopra le righe piuttosto che la tradizionale pay TV lineare. Lo sport è l’ultimo baluardo del tradizionale pacchetto di televisione a pagamento lineare. Abbiamo sempre cercato di essere un po’ dirompenti e questo è un altro segno di ciò. Il tradizionale pacchetto pay-TV lineare di Sky dovrà cambiare perché la pietra miliare di questo [il loro pacchetto Sky Calcio] non c’è più. Sono sicuro che sarà un po’ un calcio nei denti per Sky, ma ovviamente siamo molto rispettosi della qualità del business che hanno e sono sicuro che si reinventerano, riconfigureranno i loro pacchetti e continueranno a essere un attore nel mercato.”

Oltre ad essere attualmente disponibile come add-on per gli abbonati al servizio di live streaming e video-on-demand TIMvision di Telecom Italia, DAZN è disponibile anche per i clienti televisivi di Vodafone. Rushton ha detto che la società cercherà di lavorare con tutte le principali società di telecomunicazioni e fornitori di servizi Internet sul retro del nuovo contratto di Serie A.

In effetti, il canale DAZN1 potrebbe essere mantenuto sotto una diversa veste come soluzione satellitare digitale terrestre regionale o DTH per i fan in parti d’Italia che soffrono di scarsa velocità della banda larga.

“Non vogliamo creare solchi insormontabili con l’OTT”, ha osservato Rushton. “Ma allo stesso tempo, siamo molto fiduciosi della piattaforma e della distribuzione che abbiamo e della spina dorsale italiana, e quindi una metodologia di distribuzione regionale e localizzata è molto più interessante per il nostro business. L’investimento del governo italiano e di TIM sull’introduzione della rete in fibra, insieme agli investimenti delle telecomunicazioni nella connettività a banda larga veloce via satellite, significa che il quadro in più comunità rurali sta “migliorando notevolmente”, ha aggiunto l’amministratore delegato.

Un sistema di autenticazione dei pagamenti tramite la distribuzione via cavo regionale fornirebbe un’altra alternativa.

 

L’alleanza DAZN-TIM

Oltre ad estendere la disponibilità di DAZN su TIMvision per altri tre anni, il nuovo accordo DAZN-TIM prevede il roll-out della copertura Ultrabroadband delle telecomunicazioni, insieme a miglioramenti apportati alla rete mobile, Fixed Wireless Access (FWA) e WiFi satellitare.

I dettagli del sostegno finanziario di TIM sono emersi anche in vista dell’assegnazione dei diritti della Serie A.

Secondo i dettagli di una lettera pubblicata da Bloomberg, TIM doveva fornire circa il 40% dell’investimento in commissioni sui diritti proposto da DAZN. I pagamenti di TIM sarebbero regolati in sei rate annuali di identico importo “versate su un conto corrente di deposito a garanzia da utilizzare esclusivamente per i pagamenti in Serie A”.

Alla domanda sull’alleanza con TIM, Rushton ha affermato che lavorare con una società di telecomunicazioni rappresenta “un gioco ovvio per una piattaforma OTT”. Ha indicato un legame non dissimile in Giappone con NTT Docomo, una delle principali reti di telefonia mobile, quando DAZN è entrata in quel mercato.

Sull’accordo TIM, ha specificato: “Insieme al supporto tecnologico, ci fornisce accesso al pubblico TIM, supporto marketing e un grado di garanzia nel marchio”.

Tuttavia, ha sottolineato: DAZN ha acquistato i diritti. Non è una co-offerta. C’è un rapporto di distribuzione, marketing e tecnologia con TIM. La telco ci fornisce un accordo commerciale in base al quale garantiscono un certo numero di clienti che accedono alla nostra piattaforma e quindi forniscono un livello di supporto finanziario. DAZN sta acquistando i diritti, è un’offerta unica e DAZN sta garantendo finanziariamente la quota dei diritti”.

L’operatore di telecomunicazioni ha dichiarato a febbraio di non aver preso parte alla gara per i diritti ma di sostenere la proposta di DAZN, avendo “firmato un accordo per integrare l’accordo di distribuzione già esistente [con DAZN], a condizione che DAZN si aggiudicasse la suddetta gara”.

Per DAZN, collaborare con le società di telecomunicazioni in nuovi mercati rimane molto sul tavolo.

“Quando entriamo in un nuovo mercato, ho [solo] un numero relativamente piccolo di abbonati [attraverso la piattaforma di streaming globale DAZN OTT]”, ha detto Rushton. “Se posso lavorare con il giusto tipo di partner promozionale, che si tratti di un’emittente tradizionale o di telecomunicazioni, per fornirci l’accesso al loro pubblico e un qualche tipo di supporto commerciale che ci consenta di crescere più rapidamente ed essere più espansivi nei diritti che investiamo in, allora sì, assolutamente, è una strategia che ci interessa e cercheremo di replicarla in altri mercati”.

 

Ripasso

In vista di un incontro del 26 febbraio, uno dei tanti in cui i club hanno votato le offerte di diritti, Sky ha cercato di aumentare la pressione sui club segnalando le preoccupazioni sull’effetto sulla concorrenza di mercato della proposta DAZN-TIM.

Sky ha reagito alla perdita della maggior parte dei diritti di Serie A presentando un’offerta migliorata di 87,5 milioni di euro a stagione per il restante pacchetto di diritti satellitari DTH e digitale terrestre (più diritti di streaming co-esclusivi) a tre partite per settimana di partita. Tuttavia, l’offerta è stata respinta dalla Lega Serie A all’inizio di questa settimana. Il pacchetto sarà rimesso a bando a breve.

Gli accordi esistenti della Serie A con Sky e DAZN (dal 2018-19 al 2020-21) valgono 973 milioni di euro all’anno. Nel nuovo ciclo, la lega risparmierà un pagamento di commissioni compreso tra 50 e 60 milioni di euro a stagione all’agenzia Infront, il suo consulente uscente per i diritti dei media.

Tutta la Serie A TIM è solo su DAZN: : fino al 2029, 7 partite in esclusiva e 3 in co-esclusiva a giornata
Tutto lo sport di Sky e la nuova UEFA Champions League è su NOW. Più partite e maggior qualità. 185 partite su 203 a stagione, al netto della partita del mercoledì di Amazon
SKY SPORT: Guarda i Giochi Olimpici di Parigi 2024 su Eurosport e tutti i 51 match di UEFA EURO 2024, Wimbledon, la F1 e il tennis in esclusiva.

Fonte
Sportbusiness

Articoli correlati

Back to top button
Don`t copy text!
notification icon

We want to send you notifications for the newest news and updates.